Home Progetto educativo oratorio

Progetto educativo oratorio

ORATORIO SANT’ANNA

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO

Premessa:

L’Oratorio nasce dalla Comunità Parrocchiale come strumento e metodo per la formazione umana e cristiana delle giovani generazioni, esso “è, infatti, lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti e i giovani». (C.M. Martini)

In quanto radicato nella Comunità, è uno dei modi in cui la Parrocchia esprime la propria sollecitudine nei confronti degli individui e dei gruppi in fase formativa. L’Oratorio deve condurre, dunque, alla Comunità Parrocchiale, non si tratta di realizzare un’isola autonoma nella parrocchia, ma di aiutare i più giovani ad entrare nella vita parrocchiale ordinaria. Ogni attività dell’Oratorio va considerata in questa prospettiva.

Articolazione del progetto:

  •  L’Oratorio Sant’Anna per quanto riguarda il progetto “Oratorio settimanale” è aperto da metà settembre a maggio ogni settimana da lunedì a venerdì (merc. chiuso) dalle ore 16 alle ore 19.
  •  In questo lasso di tempo i responsabili dell’oratorio e del progetto accolgono principalmente ragazzi delle scuole medie e superiori che abitano nel quartiere e che vedono l’oratorio come un punto di riferimento per trascorrere i loro pomeriggi.
  •  In Oratorio vengono proposte ai ragazzi che frequentano i suoi locali le seguenti attività:

ATTIVITÀ LUDICHE attraverso i calcetti, il ping pong, la play station e giochi da tavola; ATTIVITÀ SPORTIVE attraverso sport praticato nei locali esterni dell’oratorio, in particolare nei nuovi campetti da calcetto, e tornei sportivi organizzati periodicamente; ATTIVITÀ DIDATTICHE attraverso lo svolgimento dei compiti scolastici o studio con l’aiuto di animatori universitari (le attività di doposcuola sono aperte anche ai bambini delle elementari in genere seguiti da assistenti sociali); ATTIVITÀ FORMATIVE attraverso momenti di riflessione sulla propria crescita spirituale nel rapporto con Dio e momenti di condivisione in un ambiente sereno.

Descrizione sintetica e obiettivi del progetto:

  •   I responsabili attuano un progetto educativo indirizzato alla crescita dei ragazzi, improntato ai valori cristiani trasmessi attraverso l’accoglienza di tutti senza alcun pregiudizio, lo stare insieme, la condivisione soprattutto nella diversità, il rispetto degli altri, degli ambienti e delle cose in comune secondo il principio della corresponsabilità, il dialogo e la riflessione sulla propria vita soprattutto con le figure dei sacerdoti e dei responsabili. 
  •  Lo stile dello stare insieme in Oratorio, dunque, è improntato alla CORRESPONSABILITÀ sia verso l’educazione sia verso la gestione delle strutture. Perciò anche i ragazzi e i più piccoli devono essere educati a tale obiettivo attraverso la cura per gli altri e per le cose: chi ha responsabilità educative deve vivere questo stile e deve testimoniarlo nella propria vita.
  • La gestione delle responsabilità è affidata ai responsabili dell’Oratorio i quali coordinano, suscitano, stimolano il progetto verso le finalità degli obiettivi senza trascurare la loro vocazione nella comunità cristiana. A tal riguardo un ruolo importante riveste la presenza di tutti gli animatori ed i responsabili dei gruppi giovanili, i quali devono sentirsi coinvolti in prima persona come educatori nell’attuazione del progetto formativo dell’Oratorio articolato nelle diverse attività sopra elencate. Nello stesso tempo, gli adulti ed i ragazzi maggiorenni che si accostano costantemente od occasionalmente all’Oratorio, sono tenuti a conoscerne e condividerne gli obiettivi e, nei limiti delle loro possibilità, anche a collaborare al loro perseguimento.
  •  I responsabili e le altre figure summenzionate, sono, pertanto, chiamati a far rispettare delle regole basilari, che si configurano come dei principi irrinunciabili, entro cui poter impostare con ognuno il progetto educativo.
  •  L’obiettivo certamente più a lungo termine è di far conoscere ai ragazzi i gruppi giovani della parrocchia, dove possono approfondire alcuni temi già trattati con i responsabili nei pomeriggi ed intraprendere un percorso di crescita più intenso insieme ai loro coetanei utile alla propria vita.
  • L’Oratorio si configura, dunque, come un’iniziazione alla vita parrocchiale in primo luogo, ma anche alla vita sociale. Dopo la fase dell’accoglienza e dell’accompagnamento iniziale, durante la quale i ragazzi vengono educati ai valori della vita cristiana, l’Oratorio deve diventare per un giovane, un addestramento per l’esistenza futura. L’Oratorio aiuta a diventare testimoni, imprime nei ragazzi che lo vivono un segno profondo, dà loro lo stimolo per continuare a coltivare i valori ed i principi acquisiti negli anni più giovani, anche dopo essere usciti dai cancelli verso la vita degli anni più maturi. L’Oratorio è pensato come luogo aperto nel tempo e nello spazio, uno stimolo per vivere come cristiani soprattutto al di fuori dei suoi locali e dei suoi cortili.
  • L’Oratorio è in sintesi un luogo di crescita, formazione ed educazione alla vita che affianca in questo compito la famiglia e la scuola.

NOTE relative al progetto

  • Qualora vi fossero collaboratori occasionali su consenso del parroco, legati a specifiche attività, nello svolgimento della loro opera utile e preziosa devono agire in conformità al Progetto Educativo sentendosi partecipi all’azione formativa dell’oratorio. Essi sono chiamati ad un confronto sistematico con i responsabili.
  • I responsabili effettuano regolarmente insieme al parroco, punto di riferimento principale dell’Oratorio, verifiche sull’andamento del progetto.

Torino, parrocchia Sant’Anna, 13 settembre 2010

Il Parroco, don Gian Carlo Vacha

Sacerdote, don Silvio Cora

I Responsabili dell’Oratorio:

Manuela Halepliyan

Stefano Di Lullo

Il documento viene confermato e approvato dal nuovo parroco don Davide Pavanello il giorno 17 settembre 2012, la validità viene prorogata con decorrenza immediata fino a nuove disposizioni in materia da parte del parroco e/o del Consiglio direttivo dell’Associazione Oratorio Sant’Anna.

Il Parroco conferma altresì il mandato di Responsabili dell’oratorio e coordinatori del progetto “Oratorio settimanale” a Stefano Di Lullo, presidente Associazione Oratorio Sant’Anna e Manuela Halepliyan, vicepresidente Associazione Oratorio Sant’Anna.

Torino, parrocchia Sant’Anna, 17 settembre 2012

In fede,

don Davide Pavanello, parroco

Stefano Di Lullo

Manuela Halepliyan